Lokomotiv Kanarone Home Page
Lokomotiv Kanarone - Album Lokomotiv Kanarone - Bio Lokomotiv Kanarone - Info Lokomotiv Kanarone - Rassegna stampa Lokomotiv Kanarone - Stage Plan
ACT NO STRANGE web site
  CADENCE - Apr, May, June 2009
  MUSICA JAZZ n 7 - luglio 2009
  CD on JAZZ & TZAZ - May 2009
  ALL ABOUT JAZZ - 15 gennaio 2009
  CULTUREJAZZ - octobre 2008
  JAZZRYTMIT - 10 dicembre 2008
  O ZURRETT D'ARTAL - 26 de julio de 2008
  IL MANIFESTO - sabato 12 marzo 2005
  CADENCE - n° 2 - february 2004
  MUSICA JAZZ - n° 5 - 4 maggio 2004
  LA REPUBBLICA - 4 maggio 2004
  JAZZAROUND - avril - mai 2004
  TOMAJAZZ - marzo 2004
  MUSICA JAZZ - gennaio 2004
  IMPROJAZZ - issue 102 february 2004
  ITALIAN JAZZ NOTES - dicembre 2003
  LA STAMPA - 13 settembre 2003
  QUI - maggio 2003
  Mark Dresser - Personal Communication
  Antonio Feola - Personal Communication
  LA REPUBBLICA - mercoledì 1 marzo 2000
  LA STAMPA - mercoledì 23 Giugno 1999
LA STAMPA

di Edoardo Fassio

Mercoledì 23 Giugno 1999

"Jazz a Palazzo con il Quintetto di Fiorenzo Bodrato, buon bassista allievo di Mingus - […]"

Protagonista è l’ora di concerto del quintetto di Fiorenzo Bodrato, contrabbassista capace allievo di Charles Mingus (cui dedica la suite d’apertura). Costituito da Giovani musicisti che alternano il jazz alla musica classica (orchestra del Regio di Torino e formazioni da camera), Lokomotiv Kanarone comprende la tromba di Marco Rigoletti, il trombonista Giampiero Malfatto, ascoltato nella Big Band di Gianni Basso, e il sax di Andrea Buffa dal linguaggio virile, cantabile; sue le corpose pulsazioni notturne di Sophisticated Lady, non facile perla dal repertorio ellingtoniano, mentre un vento sbarazzino fa svolazzare foglie di platano e pagine di spartiti.

I cinque valenti solisti (completa la formazione Antonio Stizzoli) riescono a proporsi anche in composizioni originali come “Liberi Tutti”, divertente ma rigorosa nonostante il titolo, e “Maggio”, un bel tango percussivo, con cadenze da accademia militare e noir come un film di Peter Lorre.

La sintesi tra ricerca e cimento dell’improvvisazione, un must per qualsiasi formazione jazzistica, diventa spesso un peso quando viene disattesa da eclettici con le idee confuse se non addirittura inclini ad un volgare plagiarismo; non è il caso di questo quintetto, che offre musica spontanea, competente, in una parola vertebrata: perfettamente in sintonia, nella sua tranquilla eloquenza, con lo scenario degli ammalianti Giardini Reali.”
info@lokomotivkanarone.net Web Design Tream Adv Torino - www.tream.it