Lokomotiv Kanarone Home Page
Lokomotiv Kanarone - Album Lokomotiv Kanarone - Bio Lokomotiv Kanarone - Info Lokomotiv Kanarone - Rassegna stampa Lokomotiv Kanarone - Stage Plan
ACT NO STRANGE web site
  CADENCE - Apr, May, June 2009
  MUSICA JAZZ n 7 - luglio 2009
  CD on JAZZ & TZAZ - May 2009
  ALL ABOUT JAZZ - 15 gennaio 2009
  CULTUREJAZZ - octobre 2008
  JAZZRYTMIT - 10 dicembre 2008
  O ZURRETT D'ARTAL - 26 de julio de 2008
  IL MANIFESTO - sabato 12 marzo 2005
  CADENCE - n° 2 - february 2004
  MUSICA JAZZ - n° 5 - 4 maggio 2004
  LA REPUBBLICA - 4 maggio 2004
  JAZZAROUND - avril - mai 2004
  TOMAJAZZ - marzo 2004
  MUSICA JAZZ - gennaio 2004
  IMPROJAZZ - issue 102 february 2004
  ITALIAN JAZZ NOTES - dicembre 2003
  LA STAMPA - 13 settembre 2003
  QUI - maggio 2003
  Mark Dresser - Personal Communication
  Antonio Feola - Personal Communication
  LA REPUBBLICA - mercoledì 1 marzo 2000
  LA STAMPA - mercoledì 23 Giugno 1999
ALL ABOUT JAZZ

Vincenzo Roggero

15 gennaio 2009

Sono passati ben cinque anni dal primo, apprezzato album e Lokomotiv Kanarone, gruppo di musicisti che gravitano intorno al Centro Musica Creativa di Torino, conferma appieno quanto di buono aveva evidenziato in quella incisione.

L’inizio è fantastico. In punta di piedi la linea di basso introduce il tema morbido, sinuoso, ammaliante che gradualmente si arricchisce del contributo di tutti gli strumenti, fino al deflagrare del ritmo con i fiati che si intrecciano in accattivanti volute. C’è un po’ di downtown in questo brano, con rimandi ai lavori di Reid Anderson (bassista dei Bad Plus), il tutto sostenuto da un’attenzione alla melodia che sta diventando elemento distintivo tra i musicisti italiani più creativi.

Nei brani successivi troviamo l’Africa ricca di colori, di ritmo, di danzabilità, di gioia, “Wake Afrika“; il groove ipnotico con intensi assoli di “Splendida Mattina“, le raffinate tessiture di “Denmark Vesey“ tra blues e cameristiche polifonie, le focose accelerazioni e decelerazioni mingusiane di “B Funk, G Funk, U Funk“, la strampalata malinconia di “Sorrow“ , e... molto altro.

La scrittura di Fiorenzo Bodrato (autore di tutti i brani) è ricca di storia e di riferimenti, fa convivere elementi folklorici con stilemi d’avanguardia, il free storico con lo swing ellingtoniano, il riff pop con la libera improvvisazione. Ma possiede il dono della leggerezza, gli arrangiamenti sono misurati e riescono a valorizzare le qualità dei singoli come il risultato d’insieme.

LK2 è un disco che sprigiona un’energia contagiosa, è pieno zeppo di buona musica, e conferma appieno il valore di questa formazione che meriterebbe ben altra attenzione da parte di responsabili di rassegne e organizzatori di festival. Ma questa è tutta un'altra storia...

Track listing:
01. Greatest Hits Revisited; 02. Downtown; 03. Wake Afrika; 04. Splendida Mattina; 05. Denmark Vesey; 06. Shuflle For President; 07. B Funk, G Funk, U Funk!; 08. Cimici; 09. Avant Garden; 10. Dave; 11. Sorrow. Tutte le composizioni sono di Fiorenzo Bodrato.

Personnel:
Fiorenzo Bodrato (basso); Andrea Buffa (sax tenore); Antonio Stizzoli (batteria); Marco Rigoletti (tromba, flicorno); Gianpiero Malfatto (trombone).

http://italia.allaboutjazz.com/php/article.php?id=3344
info@lokomotivkanarone.net Web Design Tream Adv Torino - www.tream.it